Progetto X Pamphlet e FAQ 25 Febbraio 2015

E’ ARRIVATO IL MOMENTO.              PROGETTO X

E’ arrivato il momento di combattere insieme le battaglie comuni e per questo invitiamo i singoli cittadini, i movimenti, i gruppi politici democratici, i comitati, le associazioni, le liste civiche ad unirsi in questo sforzo federativo unico e mai apparso sulla scena politica italiana, unico modo per arrivare a risultati tangibili ed efficaci.

La CARTA DI INTENTI siglata nel primo incontro nazionale a Roma, l’8 giugno 2014, recitava: “I soggetti aderenti alla carta dei principi si impegnano a promuovere un metodo di raccordo tra liste civiche attraverso la democrazia diretta, partecipata e liquida. Si impegnano altresì al prossimo incontro a formulare proposte ed eventuali mozioni nelle quali specificare i criteri e i requisiti che contraddistinguono una lista di democrazia diretta, partecipata o liquida.”

Ebbene ciò è stato fatto attraverso un lungo percorso di incontri, conferenze e confronti. Ci siamo incontrati l’8 giugno a Roma, il 14 Settembre a Bologna, il 17 Ottobre e il 7 Novembre al senato della Repubblica di Roma, il 14 Dicembre a Milano. Da tutto questo e da altri incontri e confronti sul territorio con molte altre realtà analoghe nasce Progetto X, un progetto federale democratico.

Progetto X non è un semplicemente un movimento, è una possibilità. La possibilità di unire le forze e dare anche a quelle piccole realtà che vogliono mantenere la loro indipendenza, di incidere sulla vita politica e sulle decisioni sociali.

Senza profeti e senza padroni. Crediamo che la strada da percorrere sia quella di costruire un assetto relazionale ed organizzativo di tipo federale perseguendo la possibilità di AGGREGARE le tante entità impegnate nella società, quali comitati, associazioni, che abbiano a fattor comune valori, principi e riescano a darsi obiettivi comuni, possibilmente con costanza nel tempo e non solo occasionalmente.

L’associazione intende compiere un percorso di lavoro con i singoli cittadini e con i gruppi politici interessati lavorando INSIEME, con coloro che si iscriveranno, allo statuto e ai regolamenti, sino ad arrivare ad un CONGRESSO FONDATIVO finale.

Fino al congresso fondativo, lo  Statuto, i Regolamenti e linea politica potranno subire cambiamenti, compreso sicuramente il nome, volutamente e provvisoriamente chiamato “Progetto X”.

Dal congresso fondativo finale dovrebbe nascere una federazione con un NOME NUOVO, costituita da associazioni di due tipi: gruppi di cittadini che creano Circoli X e gruppi o “Associazioni politiche federate X“, con propri iscritti anche a “Progetto X”.

In questo modo  si potrà lavorare sul territorio e presentarsi con una sufficiente MASSA CRITICA ad elezioni, come “Liste X” nate dagli iscritti a Circoli e Associazioni federate, contemplando anche la possibilità di ALLEANZE, possibili se VOTATE dagli iscritti a livello regionale o nazionale. Il tutto sarà regolato da uno statuto e da dei regolamenti di valore nazionale, con una grande impronta federale e di DEMOCRAZIA INTEGRALE, supportata dalla rete e da una serie di rappresentanti sul territorio.

Crediamo, con il nostro Statuto, I nostri Intenti e i Regolamenti che abbiamo preparato, di aver raggiunto un ottimo risultato, un ottimo CONTENITORE DEMOCRATICO e una serie di PUNTI PROGRAMMATICI determinanti, per un facile e rapido cammino verso una nuova e vera forza politica democratica, il tutto ISPIRATO AI PRINCIPI INIZIALI.

 

LE RADICI DELL’ALBERO DI PROGETTO X.

Crediamo nei principi della nostra Costituzione e vogliamo la loro piena attuazione.

Crediamo nell’eguaglianza di tutti gli esseri umani a prescindere dalle opinioni, dal sesso, dalla razza, dall’appartenenza etnica, politica, religiosa, dalla loro condizione sociale ed economica.

Vogliamo costruire un mondo che ripudi la violenza, il terrorismo e la guerra come strumenti per risolvere le contese tra gli uomini, i popoli e gli stati. Vogliamo un mondo in pace, basato sulla giustizia sociale, sulla solidarietà, sul rispetto reciproco, sul dialogo.

Vogliamo un mondo in cui i governi garantiscano l’eguaglianza di base di tutti i membri della società, il diritto a cure mediche di elevata qualità e gratuite, il diritto a una istruzione pubblica che sviluppi la persona umana e ne arricchisca le conoscenze, il diritto a una libera informazione, il diritto ad un lavoro dignitoso e ricompensato, il diritto ad una giustizia certa ed efficiente, il diritto al benessere e alla realizzazione di sé.

Vogliamo che i sistemi economico finanziari ritornino ad essere strumento di benessere umano e collettivo, in un’ottica sostenibile e di lungo periodo, non speculativa ma solidale.

Vogliamo un’Europa e un’Italia liberati da antichi e recenti sistemi di privilegio che ne distruggono il presente e il futuro; vogliamo delle comunità politiche inclusive, aperte, giuste.

Vogliamo un’Europa e un’Italia sicure, aperte a tutti coloro che vogliono contribuire al benessere collettivo, cittadini e non.

Non basta avere diritto di voto in un paese per poterlo definire “democratico”.

Noi consideriamo democratico un sistema politico che lavori per il bene comune rivolto a tutti i settori e basato sulle istanze e le necessità proposte dai cittadini, privilegiando nel proprio agire i bisogni dei meno abbienti e dei gruppi sociali più deboli, per migliorarne le condizioni di vita, perché un gruppo di cittadini che dividono un medesimo suolo, smettano di essere semplici individui, e diventino Società e Comunità.

È questo il mondo che vogliamo. Un mondo di eguaglianza di risorse e possibilità, che parta dal rispetto della persona e da una equa redistribuzione delle ricchezze, basato sul concetto di sostenibilità e di riconoscimento universale dei beni comuni, tramite una trasformazione responsabile ed etica delle risorse a disposizione.

Crediamo che questo si possa fare unendo tutte le forze disperse a migliaia sul nostro territorio tra liberi cittadini, liste civiche, associazioni e nuovo forze politiche che condividono in primis questi desideri.

Crediamo che questo sia possibile, con un’ampia informazione e condivisione della gestione politica a favore di cittadini consapevoli e attivi, con una partecipazione concreta, una vera democrazia efficace. Ma ancor più crediamo sia possibile con la forza ed il coraggio di chi davvero crede che un mondo migliore sia possibile.

Per questo proponiamo un percorso democratico e aperto, partendo da un processo comune e da un albero organizzativo e statutario a cui tutti potranno contribuire, insieme in cammino, con il supporto della rete, verso una costituente nazionale e una nuova e diversa forza politica, democratica, trasparente.

L’albero di Progetto X.

 

I CONCETTI DI PARTENZA PER UN CHIARO DIBATTITO VERSO IL CONGRESSO.

PROGETTO X.

  • Pacifisti.
  • Europeisti.
  • Per l’accoglienza.
  • MASSA CRITICA nazionale per tutte le forme associative democratiche (politiche e non) disperse nel territorio.
  • Struttura organizzativa con  DUE tipologie di ASSEMBLEE (rappresentative – dirette): RAPPRESENTANTI e coordinatori regionali e nazionali e ASSEMBLEE WEB.
  • Democrazia interna con ELEZIONE di TUTTE le CARICHE RAPPRESENTATIVE dell’organizzazione con  breve durata (1 anno).
  • Cariche nominate all’interno dell’organizzazione (es. coordinatori) con durata annuale sottoposte a conferme semestrali.
  • Contratti annuali personale di supporto.
  • INCOMPATIBILITA’ tra cariche interne e cariche eletti.
  • Candidati puliti, regole chiare.
  • Cariche elette nelle ISTITUZIONI SENZA VINCOLO di mandato, ma OBBLIGATE al confronto con gli iscritti e a promuovere PROPOSTE democraticamente espresse dagli stessi.
  • Obbligo di DECURTAZIONE EMOLUMENTI  eletti e amministratori 20% con LIBERA DONAZIONE trasparente ovunque desiderino.
  • Possibili più di due mandati in parlamento e in regione, ma dopo due consecutivi obbligo di stop per 2 anni.
  • Elezioni e PRIMARIE INTERNE, sempre. Tutte le cariche elette dagli iscritti (eccetto coordinatori che hanno verifica semestrale).  NO LISTE DI NOMINATI.
  • Decidono gli iscritti se tenere i finanziamenti e a quali progetti devolverli, regionalmente o nazionalmente.
  • Alleanze possibili con chi condivide regole e principi accettate dagli iscritti.
  • LIBERTA’ DI COSCIENZA e democrazia partecipativa e diretta nelle questioni ETICHE E MORALI.
  • USO DELLA RETE.


 

GLI STRUMENTI DI PROGETTO X –  WWW.PROGETTOX.IT

Il sito provvisorio è strutturato come un social-forum, corredato di un blog.

E’ possibile quindi associare ad una zona di area di discussioni stile social l’accessO ad un area più specifica di Forum.

  1. In alto a sinistra del sito trovate il link alla pagina di Iscrizione. Avete due possibilità: la semplice REGISTRAZIONE o la richiesta di vera e propria ISCRIZIONE all’associazione.
  2. Se viREGISTRATE avrete la possibilità di partecipare aiFORUM generali e alle DISCUSSIONI, nonchè alla piattaforma Appgree (utilizzata anche da Podemos). Sondaggi, proposte, votazioni su web a portata di SMARTPHONE o pc. Troverete le domande di Appgree sulle pagina facebook di Progetto X e su altre pagine web in rete (oppure sul vostro smatphone se cercate il canale Appgree Progetto X).
  3. Se richiedetel’ISCRIZIONEalla associazione Progetto X, verrete inseriti nei GRUPPI DI COORDINAMENTO locali regionali e nazionali dove potrete contribuire alla crescita locale di Progetto X. Oppure, se rappresentate una associazione o una lista già esistente potrete creare un GRUPPO AUTONOMO pubblico o privato (es. Lista Pippo Libero). Ogni gruppo ha la possibilità di creare dei FORUM AUTONOMI. Basta chiedere “amicizia” e formare un gruppo.
  4. Se richiedetel’ISCRIZIONEpotrete lavorare con noi alle seguenti piattaforme:

Loomio, la piattaforma per le discussioni e le decisioni di gruppo. E’ riservata agli Iscritti ma è aperta all’utilizzo per tutti coloro che vogliono comunque usarla nei loro gruppi e associazioni (bellissima). Registratevi su https://www.loomio.org/, cercate il gruppo Progetto X e chiedete di unirvi. Potrete creare sottogruppi, proporre votazioni, etc etc Qui trovate la prima discussione.

Agorà Voting, lo strumento di voto  semplice ed efficacie per le votazioni e le elezioni interne riservato agli Iscritti che faranno parte del coordinamento nazionale via via crescente sino al congresso. E’ riservata agli Iscritti ma aperta all’utilizzo per tutti coloro che vogliono comunque usarla per le loro attività di voto decisionale. (E’ in via di revisione e sarà pienamente disponibile da Marzo).

Liquid Feedback, ad oggi la PIATTAFORMA di produzione e di voto democratico e liquido per eccellenza. Riservata a tutti gli Iscritti, dove si lavorerà ai documenti come su di una proposta di legge su Statuto, Regolamenti, Linea Politica e Autorganizzazione. Coloro che chiederanno l’iscrizione a Progetto X riceveranno un codice invito via mail, dopo di si potranno registare per partecipare al piccolo parlamento web.

  1. Affinchè la vostra iscrizione sia accettata ci vorrà del tempo, quindi sarete accettati con riserva al momento della richiesta di iscrizione. Solo successivamente, raggiunto un numero congruo di richieste, si partirà con la procedura di accettazione.

FAQ PER CHIARIRE.

Cosa è Progetto X?

Progetto X è un percorso, una proposta organizzativa, un laboratorio di idee.
Progetto X nasce dall’impulso di alcuni senatori della componente Movimento X del gruppo misto del Senato e da Progetto 8 Giugno, entrambi tesi a contribuire alla ritornare allo scopo originario del Movimento 5 Stelle, cioè quello di permettere ai cittadini italiani di contribuire alla vita politica italiana ridondando loro dignità di protagonisti, incentivando il merito, la responsabilità, l’etica comune.

L’idea fondamentale di Progetto X è che la degenerazione del M5S sia stata possibile anche e soprattutto grazie all’assenza di regole condivise che garantissero la costruzione di una proposta politica partecipata, consapevole.
La scelta del percorso, quindi, nella sua prima fase antepone le regole ai contenuti, in un certo senso, non stravolgendone però gli ideali originari.

Per questo, Progetto X si sviluppa autonomamente sia da Movimento X che da Progetto 8 Giugno raccogliendo contributi molteplici per costruire e proporre una proposta organizzativa che possa raggiungere un equilibrio fra democrazia diretta e democrazia rappresentativa, responsabilità collettiva e individuale, diritti e doveri individuali e collettivi, pluralità e unità.

Nella sua seconda fase, quella attuale, offre le regole statutarie e pratiche alla rielaborazione collettiva e democratica, sperando questa permetta di migliorarle e razionalizzarle, e si dedica alla elaborazione della proposta politica.

La speranza di Progetto X è che il lavoro svolto possa offrire spunti di lavoro alle tante micro-realtà politiche già presenti sul territorio e ai molti processi che stanno rinascendo dalla ceneri del M5S, e prevede la conclusione del progetto attraverso un’assemblea costituente ampia che sancisca la nascita di un nuovo soggetto politico nazionale in grado di ritornare ad offrire una speranza di futuro al nostro Paese, di cui Progetto X faccia da scheletro.

Perché un associazione  dovrebbe partecipare?

L’associazione mantiene la propria indipendenza, ma i propri iscritti, iscritti anche a Progetto X, possono partecipare  democraticamente alla competizione politica, godendo, se superati i processi di selezioen democratica, della massa critica di tutti. L’unione fa la forza.
Ovviamente questo vale anche per i progetti che Progetto X potrà sviluppare, in termini di risporse ed energie.
Originariamente si era pensato di dare alla associazione un valore “di voto” pesato ma questo era tecnicamente e politicamente
inaccettabile.

Ma una grossa associazione non diventa dominante?

Il “potere” che un associazione numerosa potrebbe avere se iscrivesse tutti i propri soci a Progetto X verrebbe moderato dalla struttura
federale, delle rappresentanza regionali e dalla democrazia partecipativa. Inoltre dovrebbe investire comunque, economicamente, in una quota di iscrizione. Se a questo punto avesse la forza di fare questo, non avrebbe bisogno di Progetto X.

Di chi è la proprietà del simbolo?

La proprietà del simbolo è di tutti gli iscritti (questo potrebbe anche cambiare con l’assemblea costituente, come pure il nome).

Chi concede o toglie l’utilizzo del simbolo?

Il Coordinamento nazionale o regionale di pertinenza, posto che l’Assemblea nazionale o Regionale degli iscritti abbiano perfezionato l’accettazione dell’organizzazione locale all’interno della federazione.

A chi viene concesso l’uso del simbolo?

A tutti i gruppi e le organizzazioni che ne facciano richiesta secondo lo specifico iter previsto, che ne accerti la compatibilità statutaria, la democraticità, e non vi siano ragioni ostative.

In altri movimenti ci sono stati problemi di concorrenza tra gruppi della stessa città, come Progetto x regolamenta la questione?

Possono esistere diversi circoli nella stessa città, ma le loro denominazioni devono permettere una facile distinzione. La Commissione regionale di garanzia è competente a dirimere eventuali questioni.

Il presidente dell’associazione è anche il portavoce politico?

Si, il Presidente Coordinatore nazionale è rappresentante legale dell’associazione e la rappresenta politicamente.

Perchè i rappresentanti regionali non sono uno per provincia ma in quota parte?

Per cominciare con un numero congruo e ragionevole nella costituzione dell’Assemblea dei rappresentanti, ma comuque proporzionale e rappresentativo del numero degli abitanti. Attualmente saranno 58.

Un problema in altri soggetti politici sono le votazioni online non verificabili, voi come risolvete il problema?

Tutte le votazioni online sulla piattaforma principale nazionale saranno di tipo palese e i risultati saranno quindi verificabili da ogni singolo iscritto. Sui grandi numeri è difficile che si creino tensioni e ricatti all’interno dei gruppi. A livello locale e in situazioni dove i votanti sono pochi e si votano “persone” i regolamenti indicano metodi di voto web segreto (sotto l’autonomia dei gruppi) o metodi con voto cartaceo. Stiamo sperimentando e lavorando con piattaforme di altro tipo, per il voto segreto. Alcune le suggeriamo e le utilizziamo nella sezione IO DECIDO. Altre piattaforme potranno arrivare dal dibattito fino al Congresso.

 Tutti gli utenti registrati a Progetto X sono automaticamente iscritti all’associazione?

  1. E’ bene distinguere tra utente REGISTRATO e utente ISCRITTO al sito. Gli utenti semplicemente registrati al sito possono partecipare praticamente a tutto sulle varie piattaforme e sui Social-Forum ma le decisioni deliberative saranno prese dagli utenti registrati che avranno chiesto anche di volersi iscrivere a Progetto X nel modulo di registrazione, e concluso la fase di accettazione. Gli utenti Iscritti possono creare gruppi di lavoro e coordinamento regionali e locali, con relativi forum.

C’è una quota di iscrizione economica? Si, è prevista una quota annuale se l’associazione dovesse crescere e/o superare il congresso.  Per ora è gratuita.

Come si finanzierà Progetto X?

Con le quote associative, con il Crowdfunding e le donazioni degli eletti (assolutamente volontarie) e di tutti.

Cosa succederà fino al congresso X?

Progetto X vuole costituirsi passo passo crescendo nel numero degli iscritti e dei partecipanti. Fino al congresso le linee politiche, lo statuto e i documenti verrano discussi e emendati. Con il congresso si sceglieranno le basi definitive e si darà il via alla federazione con un nome nuovo, per un simbolo e per un Logo di riconoscimento per le associazioni federate.

E’ TUTTO PROVVISORIO IN QUANTO CON IL CONGRESSO E IL LAVORO DI TUTTI, TUTTO, PIATTAFORME COMPRESE, POTRA’ CAMBIARE.

Share Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti